Archivio

Uncategorized

30 Nov 2015

La comunicazione e il linguaggio del cane: A LUI LA PAROLA!

– Conosci il tuo cane? Sai comunicare efficacemente con lui?
– Vuoi capirlo meglio, prevenire ed eliminare alcuni comportamenti indesiderati?
– Ti piacerebbe capire quando due cani stanno interagendo in modo corretto, se sono pacifici o se potrebbe nascere un conflitto tra di loro?

Imparare a conoscere il linguaggio del cane è la chiave di accesso per capirlo, amarlo e rispettarlo. Facciamo luce su alcuni degli aspetti della comunicazione, approfondendo le situazione “equivoche” e i fraintendimenti interspecie .
Lo scopo di questo seminario è quello di capire come comunicano i cani tra loro e di conseguenza con le persone.
Partendo dall’analisi di alcuni comportamenti, arriveremo alla visione di foto e filmati per comprendere ancora meglio il linguaggio del cane.

L’incontro è rivolto ai proprietari di cani, ai volontari e operatori di canile, agli appassionati cinofili, a chiunque voglia approfondire le proprie conoscenze e migliorare la relazione con il proprio cane. Consigliato a che frequenta e a chi vorrà frequentare in futuro le classi di socializzazione.

Relatori:
Marina Balbi, Istruttore Riabilitatore, Docente ThinkDog
Vincenza Chirigu, Educatore Cinofilo, Istruttore cinofilo, Consulente Riabilitativo CReA

PROGRAMMA:
– Difficoltà di comunicazione: un mondo di parole(quello umano) e un mondo di segnali (quello canino)
– La comunicazione non verbale
– Congruenza tra comunicazione verbale e non verbale
– Verso un linguaggio comune
– La prossemica e il suo utilizzo per una comunicazione efficace
– I Segnali Calmanti: cosa sono, conoscerli e utilizzarli
– Lezione interattiva con la visione filmati e fotografie

Al seminario faranno seguito due giornate di pratica al campo in via delle marcigliana per testare subito le capacità acquisite nel comunicare meglio con i nostri cani e nel leggere le loro interazioni. Le giornate di pratica sono previste per martedì 19 maggio e giovedì 4 giugno
https://www.facebook.com/events/974446249235138/

Costi per i soci:
seminario € 30,00
pratica € 25,00 per ogni incontro
seminario + 2 giornate di pratica € 65,00

30 Nov 2015

Il collarecollare-a-strozzo

  • Ostacola la corretta comunicazione tra i cani. Agendo sul collare (sia fisso che a strozzo) il proprietario porta il cane ad assumere una postura assertiva anche quando questa non è voluta, causando fraintendimenti e malintesi con i suoi simili.
  • Con il collare diventa più difficile emettere molti segnali calmanti e questo mette ancora più a rischio gli incontri tra i cani al guinzaglio.
  • Causa forte ansia e stress
  • È fonte di disagio e dolore
  • Mina la comunicazione tra cane e proprietario
  • Impedisce al cane di annusare liberamente
  • Molto spesso il cane tira di più

A causa dei continui strattoni (anche involontari) può provocare gravi danni fisici:

  • lesioni ai vasi sanguigni dell’occhio
  • danni a trachea ed esofago
  • gravi traumi alla colonna vertebrale
  • svenimenti
  • paralisi temporanea delle zampe anteriori
  • paralisi del nervo laringeo
  • atassia, cioè perdita di coordinazione muscolare, degli arti posteriori

La pettorinapettorina-ok

  • Garantisce ampia libertà di comunicazione e di movimento da parte del cane
  • Permette al cane di muovere liberamente la testa per comunicare con i suoi simili
  • Non strozza e non strattona
  • Non provoca danni fisici
  • Rafforza positivamente la relazione tra cane e conduttore
  • È molto più confortevole del collare
  • Non agisce sulla zona del collo che è “socialmente” delicata

L’asd ConFido in te consiglia e predilige l’utilizzo della pettorina, tra le tante proposte nel mercato sceglie quella comunemente chiamata ad H (non quella scapolare né quelle di tipo  costrittivo). La pettorina ad H  ha il punto d’aggancio a metà schiena, è molto confortevole e facilita la gestione al guinzaglio.

05082010058Insieme alla pettorina ad H consigliamo il guinzaglio di 3 metri, nonostante la legge italiana imponga l’utilizzo del guinzaglio di 1,5 metri, riteniamo che il benessere psico-fisico del nostro cane venga prima di tutto. Per le passeggiate in luoghi pubblici si può accorciare il guinzaglio per rispettare la legge.
Il cane durante le sue passeggiate ha bisogno di annusare, perlustrare e prendere anche le distanze dal conduttore e un guinzaglio lungo gli permette di farlo liberamente